Sistemi per vincere alla roulette

vincere-al-casino

I sistemi per vincere alla roulette più validi cercano di applicare regole statistiche al gioco e danno al giocatore che con metodo li utilizzi la certezza di vincere sempre, anche se poco per volta. Naturalmente applicare con costanza i sistemi per vincere alla roulette toglie un po’ di spettacolo all’azione di gioco perché tutto deve essere controllato e soppesato con attenzione.

La statistica alla base dei sistemi per vincere alla roulette

Però la statistica sì che ci può aiutare: se non a sbancare, almeno a limitare le perdite, mettere da parte tante piccole vincite, più numerose delle perdite, e giocare a lungo senza bisogno di azzerare il badget. La statistica, però, non è la matematica. Indica dei trend, fa delle ipotesi. Cose plausibili, non certe. La statistica può aiutarvi a vincere alla roulette francese anche se voi ci mettete del vostro.

evitate sempre la roulette americana

Ha due zeri invece che uno. Se puntate sul rosso alla roulette francese quante possibilità avrete che esca? Il 50%? No, perché c’è lo zero, che è verde e che potrebbe uscire. Se la roulette è americana di zeri, appunto, ce ne sono addirittura due. Ma allora perché esiste la roulette Americana? Chi ci gioca? Dei masochisti probabilmente!

Giocare alla roulette solo nei casino online legali in Italia

Scegliete solo casino aams. Sono gli unici onesti e legali. Se la roulette non è live garantiscono che le sequenze numeriche siano generate da software non manomettibil

Provate sempre i sistemi per vincere

Prima di giocare con soldi veri provate alla roulette più rischiosi con la versione for fun. Per una lunga sequenza di lanci. i sistemi vanno sperimentati e calibrati

Puntate poco

Non osate mai. Cercate di divertirvi e non di fare soldi

Regole

Prima di iniziare a giocare alla roulette assicuratevi di conoscere le regole.

Elenco dei migliori sistemi per vincere alla roulette

Tra i migliori sistemi per vincere alla roulette ricordiamo.

Sistema Biloxi: dicono che sia stato uno sceriffo di Kansas City, Joe Biloxi, ad inventarlo. Offre al giocatore la possibilità di vincere spesso, ma poco, e anche quella di giocare a lungo. E’ un sistema che prevede la disponibilità iniziale di una piccola riserva, anche per sostenere inizialmente le perdite, raddoppiando le puntate. In pratica si cerca di puntare su più numeri possibili contemporaneamente. Come funziona: il sistema Biloxi prevede 6 monete sulla prima e terza colonna e una moneta sui cavalli 8 – 11; 7 – 20; 26 – 29. In caso di perdita, la puntata successiva dovrebbe essere raddoppiata. Come sempre la roulette europea e francese è da preferire a quella americana, per via del doppio zero. Questo è uno di quei sistemi semplici: utilizzati dai dilettanti, ma anche dai giocatori professionisti; non prevede grande memoria, la scommessa si ripete sempre sugli stessi numeri, cambia solo il numero delle monete puntate. Biloxi ci aveva visto giusto!

Sistema Colonne: anche questo sistema per vincere alla roulette francese è molto semplice: non occorrono calcoli complicati o annotazioni di alcun genere. Sarà sufficiente puntare una moneta sulla seconda colonna, a oltranza e, in aggiunta, una moneta su una delle altre due. Ogni volta che uscirà un numero della prima colonna si punterà la seconda nel giro successivo. Come molti altri sistemi applicati alla roulette, anche questo ha l’obiettivo di coprire con il minor numero possibile di monete più numeri possibili del tabellone. Il sistema delle colonne non prevede il raddoppio e questo è un ulteriore suo pregio, perché raddoppiare è molto rischioso per chi non ha un badget illimitato. Inoltre i tavoli hanno un limite di scommessa, per cui anche un badget illimitato potrebbe non essere sufficiente a coprire troppe perdite.

Sistema dozzine: ecco un altro dei sistemi per vincere poco ma spesso alla roulette francese. Questa volta si punta sulle dozzine, che pagano 2:1 e dividono il tabellone in tre settori. Si inizia puntando una moneta sulla prima terzina, ossia sui numeri dall’1 al 12. Se la vincita arriva, la puntata successiva è uguale. Se la vincita manca, la puntata successiva, raddoppiata, avviene a rincorrere la terzina vincente. Anche questo sistema ha il pregio di essere molto semplice da utilizzare; prevede il raddoppio, ma solo nel caso la vincita non dovesse concretizzarsi. La roulette è un gioco particolare: dopo il primo lancio tutte le puntate successive avvengono all’inseguimento dei ritardatari. Più si va avanti coi lanci meno numeri ritardatari rimangono. Nel sistema delle dozzine, invece, vige l’idea, o l’azzardo, che sulla roulette usciranno almeno due volte di seguito due numeri della stessa dozzina.

Sistema Zero: il numero zero, diciamolo, rompe un po’ le scatole. Sulla roulette francese rappresenta il vantaggio del banco, perché pur essendoci, in virtù dello zero, 37 numeri sulla ruota, un numero secco viene pagato solo 36 volte. Questo sistema prende di petto lo zero e, da svantaggio per il giocatore, cerca di tramutarlo in punteggio vincente. Naturalmente è la roulette francese, o europea, l’unica con cui utilizzare questo sistema per vincere; la roulette americana è da evitare, sempre, perché di zeri ne ha addirittura 2. Una moneta, fissa ad oltranza, si punta sullo zero; altre due si puntano sulle dozzine ai suoi lati. Qui si ipotizza e si gioca alla rincorsa: se esce un numero della colonna si mantiene la stessa colonna per il giro successivo; se accade il contrario si rincorre la colonna vincente, raddoppiando la puntata. Il numero secco viene pagato 36 volte: questo sistema scommette che quel numero sarà lo zero!

Sistema Colonna Dozzina: sia la colonna che la dozzina sono pagati 2 a 1. Questo è uno dei sistemi che non prevedono il raddoppio in caso di mancata vincita e che, quindi, si possono giocare anche con un badget limitato in partenza. Si vince poco, ma statisticamente abbastanza spesso. E’ semplice: si punta una moneta sulla colonna e contemporaneamente sulla dozzina di appartenenza dell’ultimo numero uscito sulla roulette francese. Ad esempio esce il numero 3: si punterà una moneta sulla prima dozzina (dall’1 al 12) e sulla terza colonna. Se uscisse il 27 verrebbe premiata la colonna; ma se invece fosse il 3, il 6, 9 o 12 verrebbe premiata contemporaneamente anche la dozzina e le fiches da vincere sarebbero 6 (4 +2). Come tutti gli altri sistemi statistici per vincere alla roulette francese, anche quello Colonna Dozzina cerca di organizzare in maniera razionale le puntate del giocatore, che in mancanza del tabellone e di un qualsiasi metodo, avverrebbero alla rinfusa e in maniera troppo caotica.

Sistema Parolì: è uno dei più diffusi per vincere alla roulette francese; va molto di moda perché fa anche molta scena al tavolo non ritirare le vincite. E’ più che semplice: si punta su una combinazione semplice, rosso nero, pari dispari, alto basso e le vincite si ritirano solo dopo che si sono ripetute tre volte consecutivamente. Non ha nessuna base matematica, e nemmeno statistica a dir la verità: ad ogni lancio della pallina sulla roulette francese avrete un po’ meno del 50% delle possibilità di vincere (a causa dello zero che non è né bianco né nero). Il sistema Parolì ha alcune varianti, sempre tenendo conto che l’obiettivo sono tre vincite consecutive.

Con colpo di indipendenza: un nome ridicolo per indicare semplicemente che, dopo due vincite potrete almeno ritirare la posta iniziale, nel caso la terza vincita consecutiva non si verifichi.

Parolì avanti: le vincite non solo non si ritirano ma addirittura si alza la posta ogni volta.

Parolì indietro: le vincite non si ritirano ma la posta si diminuisce ad ogni nuovo lancio.

Sistema Labouchere: ecco un sistema piuttosto rischioso, da utilizzare con attenzione, magari provandolo più volte con una versione for fun della roulette francese. Scrivete una sequenza di numeri, come vi prende l’ispirazione. Ora iniziate a puntare; attenzione: fate puntate semplici, al 50%! Rosso o Nero, pari e dispari, alto e basso: in questo modo ridurrete il rischio anche se limiterete l’entità delle vincite. Mettiamo che la sequenza che avete pensato sia 2 1 6 8 4 1 3 8. Puntate sul rosso, o dispari, o alto, un numero di monete pari alla somma del primo e dell’ultimo numero, quindi 10. Se vincete cancellate i numeri e continuate fino ad arrivare alla fine dei numeri. Se la vincita non c’è aggiungete un numero alla sequenza, cambiate i termini della puntata: nero, pari, alto e puntate ancora la somma tra il primo e l’ultimo numero. E’ uno dei metodi più strani, il suo fondamento statistico ci sfugge; alcuni sedicenti scienziati sostengono che con il 33% di vincite il sistema fa arricchire molto. Per noi il rischio non vale la candela, nel senso che le cose possono davvero sfuggire di mano, meglio metodi più semplici.

Sistema Martingala: c’è chi lo adora, chi dice che fa vincere immense fortune e chi invece lo odia e lo sconsiglia a chiunque e comunque. La verità sta nel mezzo: il sistema martingala offre oggettive chances per vincere molto e si affida alle leggi statistiche, come gli altri sistemi. Solo che non va per il sottile: volete vincere tanto alla roulette? Ricevere sguardi pieni d’invidia dai compagni di gioco e di ammirazione dalle dame sedute accanto a voi? Dovete rischiare molto. Il che è la verità, pura e semplice. Noi però vi consigliamo di trattenervi e di sperimentare a lungo il sistema Martingala con la roulette gratis senza soldi veri. Come funziona? Puntando sul rosso o nero, pari o dispari e alto o basso raddoppiate le puntate ogni volta che perdete, lasciatele invariate ogni volta che vincete. Le vincite con puntate maggiorate compenseranno le perdite. E’ vero, ma ci sono dei miti da sfatare. La statistica non sempre ci azzecca: se la vincita non arrivasse dopo 10 giri di roulette francese di seguito, sareste capaci di coprire il sistema in questo caso? Inoltre i casino online hanno dei limiti di scommessa, potrebbero quindi impedirvi di puntare cifre troppo alte per rifarvi di più perdite consecutive.

Sistema Fibonacci: per vincere alla roulette francese col sistema Fibonacci bisogna avere o una grandissima fortuna, o un grandissimo capitale. Che poi, del resto, avendo fortuna o capitale si vince in qualsiasi modo, a qualsiasi gioco! In questo sistema si usa la sequenza di Fibonacci: 0 1 1 2 3 5 8 13 21 34 55 89; in cui, a parte i primi due, gli altri sono sempre la somma dei due precedenti. Si punta 1, se si perde si punta di nuovo uno, se si perde si punta 2 e poi 3 e poi 5…. Se volete utilizzarlo fatelo solo sulle puntate semplici: rosso nero, pari dispari, alto basso. E ricordate sempre che Fibonacci, con la sua serie di numeri, non cercava un sistema per vincere alla roulette francese, ma un metodo per spiegare la riproduzione dei conigli. Quindi se avete conigli da riprodurre il metodo Fibonacci è fatto apposta per voi, per qualsiasi altro uso fate attenzione!

Altri sistemi per vincere alla roulette

Ci sono poi sistemi da impiegare con la roulette francese molto più semplici, anch’essi piuttosto rischiosi, ma che si possono adattare bene alle nostre tasche e badget e aiutarci, se non a vincere moltissimo, almeno a razionalizzare le puntate, a mettere ordine nel caos dei numeri.

SNAI CASINO LIVE

Questi metodi si basano sulle puntate più semplici della roulette francese: rosso e nero, pari o dispari e alto o basso. Queste puntate fanno vincere poco meno del 50% delle volte, ad ogni giro, con l’unica incognita dello zero verde, che, come abbiamo già spiegato, non è compreso in nessuna delle due alternative. La statistica, quella elementare a cui tutti possiamo approcciarci, dice che il rosso o il pari o i numeri bassi difficilmente escono per più di 4 volte consecutivamente. Ecco quindi come funzionano questi sistemi elementari per vincere alla roulette francese.

Puntate sul rosso, o sul pari o sui numeri alti, 1 gettone. Oppure, addirittura, non puntate nulla: state a guardare come si svolge l’azione della roulette, che numeri escono: di che colore, se alti o bassi, appartenenti a quale colonna, terzina. Se e quando una delle opzioni che rendono il 50% di possibilità di vincere, uscirà per 4 volte consecutive, puntate 100 gettoni/ euro sul suo contrario. La statistica dice che, se è uscito il rosso sulla roulette francese 4 volte, la quinta sarà quasi sicuramente la volta del nero. E’ rischioso? Beh, sì: la statistica non è una scienza esatta e la roulette non è un gioco d’abilità, ma di pura fortuna!

Leggi Anche