Giocare nei casino online con bitcoin

Oggi è possibile giocare nei casino online con i bitcoin. Chi possiede un portafoglio virtuale in bitcoin può infatti utilizzarli anche nei casino, per aprire conti giocatore e puntare su tutti i giochi che desidera. Gli stessi casinò provvederanno a pagare vincite e bonus sempre in bitcoin. In questo modo, nel totale anonimato, qualsiasi giocatore potrà gestire le sue vincite per comprare beni e servizi nel mondo reale. I casino online che accettano transazioni in bitcoin non sono certificati aams e quindi non sono legali in Italia.

Si sta per tornare quindi all’era dei casino esteri, quelli senza certificazione aams, ma legali all’estero, raggiunti dai giocatori italiani attraverso siti secondari?

2018: l’anno del casino online con bitcoin?

In effetti potrebbe succedere anche questo nel corso del 2018: il bitcoin sta raggiungendo cifre di conversione vertiginose, sta creando nuovi miliardari a ritmo serrato insieme alla sua crescita prodigiosa. Attualmente si stima siano in circolazione circa 16 milioni di bitcoin, per un valore totale di circa 190 miliardi di dollari, con una crescita del valore del 900% ad inizio anno.
Il botcoin è stato inventato come moneta elettronica, da utilizzare anche nel modo reale, nel 2009. Il suo inventore è tuttora sconosciuto, dal momento che Satoshi Nakamoto è sicuramente solo uno pseudonimo; si era pensato a Elon Musk ma lui ha decisamente negato ogni addebito.
Quello che ha accresciuto la fama e il valore del bitcoin, tramutandolo da moneta elettronica a mezzo di investimento ad altissimo rischio e altissimo rendimento, è la tecnologia che ne sta alla base.

Bitcoin: libero e a inflazione zero

Il bitcoin è una moneta anarchica, totalmente libera: l’emissione è automatica e costante; il controllo delle transazioni è nelle mani dei singoli utenti che, collegati ad una rete peer to peer, in cui ognuno è contemporaneamente server e host, le approvano. Non ci sono stati, organismi, banche centrali; non ci sono quindi controlli, blocchi di legge, limitazioni o commissioni.
Il bitcoin non conosce inflazione: il suo valore è stabilito solo in base agli scambi e al regime di domanda e offerta tenuto insieme da tutti gli utenti. L’inflazione è bandita dal mondo bitcoin proprio perché nessuno può decidere se e quando immettere più valuta: l’algoritmo alla base della loro emissione lavora in automatico, emettendo ogni 10 minuti 12,5 bitcoin nuovi di zecca, distribuiti poi a caso tra gli utenti in rete. Quando i bitcoin in circolazione arriveranno a 21 milioni, l’algoritmo smetterà di produrli, per sempre; cioè intorno al 2030: tutto chiaro e deciso fin dall’inizio quindi, e zero inflazione.

Come iniziare ad avere un conto con bitcoin

Per possedere il primo bitcoin – o un satoshi che vale 0,00000001 botcoin, o un bit che vale 0,00000100 bitcoin – basta scaricare un software sul proprio pc o smartphone e aprire un conto virtuale: vi confluiranno i bitcoin comprati in valuta reale, o ottenuti come pagamento per vendite e servizi, o addirittura ottenuti tramite estrazione. A questo punto il bitcoin potrà essere utilizzato proprio come una moneta reale, quindi anche nei casino online con bitcoin che accettano i bitcoin tra i nuovi metodi di pagamento insieme a tutte le altre valute principali del mondo.

Ma ormai i bitcoin sono sempre meno usati per gli scambi e sempre più spesso sono utilizzati come metodo di investimento.

La fluttuazione paurosa del bitcoin dei mesi scorsi, la sua impetuosa ascesa e il suo eventuale, possibile come in ogni bolla speculativa, crollo definitivo sono e saranno decisi solo dalla comunità di investitori e possessori di bitcoin; da coloro, per intenderci, che avranno scaricato sul loro pc il software per entrare in rete.

Da cosa potrebbe essere spaventata questa comunità? Probabilmente da nulla perchè è il mondo reale che può generare spavento: crisi politiche, guerre, crolli in borsa, crack finanziari e fallimenti; il bitcoin è immune da tutto ciò, perché scollegato da ogni evento terreno, libero da ogni vincolo politico. E’ per questo che molti scommettono che la bolla bitcoin non scoppierà mai!